Italian
Seguici su:

BTL-6000 TR-THERAPY ELITE

TRASFERIMENTO ENERGETICO CAPACITIVO E RESISTIVO

22 Maggio 2021

BTL-6000_TR-Therapy_PIC_thermal_Epicondylitis

 

EPICONDILITE

Nel gergo comune è conosciuta come epicondilite ma anche come gomito del tennista, è "un'alterazione" di natura flogistico - degenerativa a carico della parte laterale del gomito (epicondilo - parte mediale epitroclea) che colpisce il più delle volte tendine dell'ERBC (estensore radiale breve del carpo, e il tendine ECD (estensore comune delle dita).

Si manifesta con dolore al gomito, a volte ben localizzato e a volte con dolore proiettato alla spalla e al polso, con deficit funzionale della prono-supinazione dell'avambraccio, dell'estensione del polso e delle dita, dells flessione del gomito. Il paziente riferisce che ha dolore o non riesce a stringere la mano, girare la chiave o un giravite.

Anche se colpisce il 4% circa della popolazione generale i più colpiti sono quelli che effettuano lavori manuali (muratori, asfaltisti, etc) e sport (tennis, padel etc.). Una delle cause è lo stress biomeccanico dovuto ai movimenti ripetuti a carico del gomito ma anche del polso; l’eziologia di per sè è multifattoriale e ancora non del tutto nota.

Diagnosi:

  1. clinica e sintomatologia caratteristica del dolore sull’epicondilo nell’esecuzione di alcuni movimenti come l’estensione del polso, il dolore alla palpazione e digito pressione sull’epicondilo;
  2. test di Mills (flessione passiva del polso);
  3. test di Cotzen (estensione attiva contro rsistenza del polso)

Gli esami diagnostci:

  1. ecografia
  2. radiografia
  3. TC
  4. RM possono fare assieme alla clinica una buona diagnosi differenziale

In questo articolo non tratteremo e non parleremo della ben nota validità terapeutica della terapia manuale e dell'esercizio terapeutico ma di altre frecce (terapia fisica) a disposizione dell'arco del terapeuta, che non escludono assolutamente il trattamento sopraindicato ma agevolano e lo amplificano. Oggi ci soffermeremo sulla diatermia capacitiva resistiva.

BTL-6000_TR-Therapy_PIC_unit_trolley_stamp_SMALL_GOOD

 

BTL-6000 TR-Therapy Diatermia a trasferimento energetico endogeno capacitivo/resistivo in virtù di energia elettromagnetica ad alta frequenza nel tessuto muscolare e osteo-articolare ha la capacità di generare un effetto termico endogeno indotto i cui effetti biologici sono:

RIDUZIONE DEL DOLORE

IPEREMIA CAPILLARE E PERICAPILLARE

AUMENTO DELL’OSSIGENZAZIONE DEI TESSUTI

ACCELERAZIONDE DEL DRENAGGIO LINFATICO

VARIAZIONE DELLE PROPRIETA’VISCOELASTICHE DEI TESSUTI

EFFETTO MIORILASSANTE E DECONTRATTURANTE

L'elettrodo capacitivo “isolato” concentra la terapia sui muscoli e sui vasi linfatici mentre quello resistivo “non isolato “agisce sui tessuti con un'impedenza superiore trattando ossa, inserzioni di: tendini e legamenti; articolazioni e cartilagini e zone muscolari profonde.

2015-03-23_1037_SMALL_NEW

 

Il Controllo Dinamico dell' Impedenza regola automaticamente la potenza della TR-Therapy durante l'intero trattamento.

La potenza verrà modulata al fine di potersi adattare alle condizioni del tessuto trattato, il quale verrà uniformemente riscaldato indipendentemente dalla sua immediata impedenza.

400_400_BTL-6000_TR-Therapy_PIC_application_carpal_tunnel_syndrome

 

In modalità capacitiva andremo a lavorare a livello muscolare dove il dolore può essere proiettato sia a livello dell’avambraccio che del braccio, in modalità resistiva, invece, andremo a concentrare il trasferimento nella zona perinserzionale più ricca di resistenza, di “resistività”.

Per quanto concerne la frequenza o parametri di riferimento disponibili variano tra i 480 e i 520 kHz, nel caso di specie ci avvarremo di una frequenza alta “520 KHz” al fine di essere in grado di poter trattare adeguatamente la sede della problematica.

Molto importante valutare, da parte del terapeuta, all’ incipit del trattamento che non vi siano controindicazioni o “RED FLAGS”, al contempo è utile raccomandare al paziente che sia ben idratato.

L’optimum sarebbe, ove possibile, che il paziente giungesse prima della seduta, almeno 20 minuti prima, idratato in quanto la Diatermia agisce a livello dei liquidi corporei, ne consegue che una buona idratazione del paziente è indice di una buona efficacia terapeutica.

Il trattamento verrà effettuato in “atermia” o impropriamente definita “subtermia” in quanto, tale conditio, risulta essere tale da consentire al paziente di percepire la base minima di aumento del rialzo termico.

La modalità funzionale, a doppio manipolo, peculiarità operativa che contraddistingue la nostra diatermia, permetterà di creare una geometria efficace per raggiungere con maggiore precisione le strutture articolari, consentendo di realizzare geometrie terapeutiche nella specifica zona anatomica, difficilmente realizzabili utilizzando la piastra neutra, tale metodica di lavoro consentirà di trattare più agevolmente sia l’epicondilo che l’epitroclea. Contestualmente a tale modalità operativa sarà possibile mobilizzare sia il braccio che l’avambraccio, ciò permetterà di testare la sintomatologia durante il trattamento stesso.

Dott. Enricomaria Mattia

Sei un professionista del settore?

L'accesso alla visualizzazione dei prodotti e al materiale informativo è riservato agli operatori del settore in ottemperanza alla legislazione vigente. BTL Italia Srl richiede di qualificarsi come professionista per procedere con la navigazione.
Decreto Legislativo 24 febbraio 1997, n. 46
Articolo 21
1. È vietata la pubblicità verso il pubblico dei dispositivi che, secondo disposizioni adottate con decreto* del Ministro della Sanità, possono essere venduti soltanto su prescrizione medica o essere impiegati eventualmente con l'assistenza di un medico o di altro professionista sanitario.

2. La pubblicità presso il pubblico dei dispositivi diversi da quelli di cui al comma 1 è soggetta ad autorizzazione del Ministero della Sanità. Sulle domande di autorizzazione esprime parere la Commissione di esperti prevista dall'articolo 6, comma 3, del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 541, che a tal fine è integrata da un rappresentante del Dipartimento del Ministero della Sanità competente in materia di dispositivi medici e da uno del Ministero dell'Industria, del commercio e dell'artigianato.

* Il DM previsto dal comma 1 dell’articolo sopra citato non è stato ancora riportato. In questa fase, pertanto, vengono ammesse, comunque, soltanto pubblicità di dispositivi medici che, per le loro caratteristiche, sono inequivocabilmente acquistabili ed utilizzabili senza intervento di un sanitario.

Vi ringraziamo per averci visitato.

Siamo spiacenti ma l'accesso alla visualizzazione dei prodotti e al materiale informativo è riservato agli operatori del settore in ottemperanza alla legislazione vigente.

Per maggiori informazioni inerenti a prodotti, terapie e servizi i nostri contatti sono:

BTL
tel +39 089 9954 450
fax +39 089 9954451
p.iva 04770600650
e-mail info@btlitalia.com